Ci sono diversi punti importanti da considerare quando si acquista un umidificatore. Scopri come trovare l’umidificatore giusto per le tue esigenze e preparalo per conservare i tuoi sigari più pregiati.

Anche se esistono soluzioni di emergenza per conservare i sigari senza un umidificatore, è consigliato per una conservazione più lunga e umida dei sigari, che ne preserva il piacere. Oltre alle dimensioni, al materiale e alla lavorazione, l’umidificazione svolge un ruolo centrale nella qualità e nel prezzo di un umidificatore.

Dimensioni dell’umidificatore - Le dimensioni contano

La decisione relativa alla dimensione dell’umidificatore dipende, prima di tutto, dalla frequenza e quindi dalla quantità di sigari che fumiLo spazio disponibile nella posizione desiderata è, ovviamente, altrettanto rilevante. L’ideale è creare lo spazio di cui si necessita in base alle abitudini di fumo. Sarebbe un peccato se la dimensione dell’umidificatore e lo spazio disponibile determinassero infine la frequenza del piacere di fumare un sigaro. Se molti intenditori necessitano di un umidificatore di grandi dimensioni, ovviamente, dipende anche da quanto spesso acquistano sigari e per quanto tempo vogliono conservare questi pregiati articoli. Se preferisci acquistare sigari in scatole di legno invece di sigari singoli, dovresti assicurarti che l’umidificatore sia abbastanza grande per ospitare tali scatole. E la varietà di aromi e punti di forza dei sigari da conservare ha altresì un impatto sulle dimensioni dell’umidificatore. Partendo da queste considerazioni, si possono ricavare le seguenti raccomandazioni:

  • Per gli intenditori occasionali (1-4 sigari al mese) è sufficiente un umidificatore per un massimo di 20 sigari. Se vi piace indulgere nel consumo di tabacco più volte alla settimana, consigliamo invece di utilizzare un modello di umidificatore più grande.
  • Coloro che amano acquistare sigari in scatola, dovrebbero conoscere i formati di scatola più comuni del proprio marchio preferito al momento dell’acquisto di un umidificatore e scegliere di acquistare un umidificatore più grande piuttosto che uno più piccolo.
  • Se vuoi avere una selezione diversificata di sigari per te o per i tuoi ospiti, dovresti assicurarti che i diversi sigari (varietà) siano ben separati l’uno dall’altro.
Materiale e lavorazione

Gli umidificatori possono essere realizzati in mogano, quercia, acero o addirittura legno di ciliegio, ma per due motivi importanti, la maggior parte degli umidificatori sono in cedro spagnolo. Contrariamente a quanto suggerisce il nome, questo legno non proviene dalla Spagna e non è cedro, ma si tratta di un legno di mogano. Il vantaggio del cedro spagnolo è che questo tipo di legno è tanto buono quanto neutro e non emette alcun odore. Inoltre, è anche molto adatto per la regolazione dell’umidità e fornisce una migliore protezione contro gli scarafaggi del tabacco. In breve: il cedro spagnolo è probabilmente il legno più costoso, ma anche il più adatto per gli umidificatori e mette in risalto il meglio degli aromi dei sigari senza coprire gli aromi del tabacco. Questo è il motivo per cui questo legno nobile proveniente dall’Africa occidentale e dal Sud America viene utilizzato per il rivestimento della maggior parte degli umidificatori di alta qualità.

Ma la sola scelta del legno non basta. Affinché un umidificatore possa svolgere la propria funzione primaria (mantenimento di un’umidità costante dei sigari), l’umidificatore deve essere altresì ben lavorato e impenetrabile, in particolare il coperchio. Ciò può essere facilmente verificato lasciando cadere leggermente il coperchio. Se si chiude lentamente ed emette anche un leggero sibilo, questo è un segno del fatto che il coperchio sta rimuovendo l’aria dall’umidificatore ed è quindi impenetrabile.

In molti umidificatori, il coperchio o altri componenti sono realizzati in vetro. Ciò ha il vantaggio che quando si controllano il contenuto o i livelli di temperatura e umidità, non è necessario aprire l’umidificatore e “disturbarne” il microclima. Tuttavia, con questi modelli è indispensabile assicurarsi che siano collocati in un luogo ombreggiato, perché la luce solare diretta può alterare la temperatura e l’umidità e quindi deteriorare la qualità dei sigari.

Sistemi di umidificazione - Nomen est Omen

Il termine umidificatore deriva da umido, cioè bagnato. Questa è la funzione centrale di un umidificatore (oltre alla regolazione della temperatura), cioè mantenere l’umidità a un livello costante del 65-75%. Per l’umidificazione ci sono tre diversi sistemi: umidificatore a spugna, con cristalli polimerici acrilici ed elettronico:

  • La spugna bagnata è il modo tradizionale di umidificare un umidificatore. È molto comoda da acquistare, facile da usare e non richiede corrente elettrica. Per svolgere al meglio la loro funzione, i sistemi a spugna devono essere controllati e lavati frequentemente e sussiste un rischio maggiore di eccessiva formazione di umidità, muffa e batteri nella spugna rispetto ad altri sistemi.
  • Gli umidificatori con cristalli polimerici acrilici sono altresì economici, di facile manutenzione e forniscono un’umidità relativamente costante con un basso rischio di formazione di muffe. Tuttavia, i cristalli devono essere sostituiti almeno ogni due anni e sussiste il rischio di formazione di batteri nel sistema di umidificazione, spesso difficile da notare.
  • I sistemi di umidificazione elettronica completamente automatizzati sono utilizzati per lo più nei grandi umidificatori. Poiché il misuratore di umidità integrato attiva automaticamente l’umidificatore elettronico quando l’umidità è troppo bassa, non è più necessario controllare regolarmente l’umidità. Il rischio di formazione di muffe e batteri è molto basso e l’umidità desiderata rimane altamente costante. D’altra parte, il costo degli umidificatori elettronici è elevato, consumano elettricità e nella maggior parte dei casi l’umidificatore deve essere rabboccato manualmente con acqua.

Per controllare l’umidità delle spugne e dei cristalli polimerici acrilici, è necessario un igrometro. Nella maggior parte degli umidificatori, è già installato un igrometro bimetallico. Questi piccoli misuratori di umidità rotondi non possono essere ricalibrati e il display a volte non è corretto. Per un valore più affidabile, consigliamo un igrometro digitale o a capello. I precisi igrometri a capello possono essere ricalibrati e vengono solitamente utilizzati per umidificatori più grandi, avendo un diametro di 12 cm. Gli igrometri digitali sono disponibili in un’ampia gamma di dimensioni e qualità. Non possono essere ricalibrati, ma anche i modelli più economici sono abbastanza precisi e la maggior parte di essi monta anche un display della temperatura integrato.

Preparazione e manutenzione

Prima di mettere in funzione un umidificatore, è necessario pulire delicatamente le pareti interne e gli eventuali inserti in legno con un panno inumidito con acqua distillata. Mettere poi una ciotola di acqua distillata nell’umidificatore e chiuderlo. A seconda delle dimensioni, questo può avere senso per 1-2 giorni o anche per un’intera settimana, in modo che il legno (di cedro) possa assorbire l’acqua che evapora. Una volta che l’umidificatore ha raggiunto la sua umidità di base, è possibile posizionare il sistema di umidificazione desiderato (vedere sopra) e posizionare i sigari per la conservazione. È opportuno areare l’umidificatore con aria fresca per circa un’ora una volta alla settimana. Oltre a visualizzare la temperatura e l’umidità, controllare regolarmente i sigari a mano. Sigari morbidi e flessibili testimoniano le condizioni ottimali di conservazione. Sigari secchi e duri indicano un’umidità troppo bassa.

Suggerimenti e voci di corridoio

Anche con un umidificatore di altissima qualità e molto costoso, si possono commettere errori durante la conservazione dei sigari, il che danneggerà non solo l’esperienza di fumo, ma anche il portafoglio. Ecco perché l’articolo Conservare correttamente i sigari fornisce suggerimenti e trucchi importanti per la conservazione dei sigari. Inoltre, il testo descrive soluzioni di emergenza per la conservazione senza umidificatori e sfata il mito di due persistenti voci di corridoio relative alla conservazione dei sigari in frigorifero e all’interazione tra temperatura e umidità. E se i sigari dovessero essere ancora troppo asciutti, allora anche l’articolo sarà d’aiuto. Così non ti “godrai” un sigaro pregiato e costoso quando è asciutto, ma dovrai neanche buttarlo via.

Prodotti VILLIGER:

Umidificatore Dominico (con sottostruttura):

Scopri la prossima storia

Anche i VIP e le celebrità fumano il sigaro

Il mondo dei sigari e dei cigarillo

Quando sei nato?

Sigari e cigarillo sono stimolanti per adulti. Per utilizzare questo sito devi avere almeno 18 anni.
Visitando questo sito dai il tuo consenso ai nostri Termini d’uso, Politica sulla privacy e Politica sui Cookie.

Vuoi di più. Dai un'occhiata al login VILLIGER.

Vuoi di più. Dai un'occhiata al login VILLIGER.

Prima di proseguire, puoi dirci quando sei nato?

Sigari e cigarillo sono stimolanti per adulti. Per utilizzare questo sito devi avere almeno 18 anni.
Visitando questo sito dai il tuo consenso ai nostri Termini d’uso, Politica sulla privacy e Politica sui Cookie.