Anche prima della scoperta dell’America, in Europa si fumava, ma il tabacco arrivò in Europa solo con i marinai. I nativi americani usavano il tabacco come rimedio, per i rituali e nel commercio. E anche allora, le popolazioni indigene consumavano tabacco per bocca non solo sotto forma di fumo.

Molti grandi marinai, come Amerigo Vespucci, Ferdinando Magellano e Pedro Álvares Cabral, rivendicarono la scoperta del tabacco. Ma Cristoforo Colombo parlò del primo incontro documentato tra marinai europei e tabacco nel novembre 1492.

Donare tabacco e bere fumo

Sebbene l’origine esatta del fumo di tabacco sia sconosciuta, ora sappiamo che il tabacco si fumava in Sud America da migliaia di anni. Quando Cristoforo Colombo sbarcò su un’isola delle Bahamas nel 1492, durante il suo presunto viaggio in Cina, dalla popolazione locale ricevette del tabacco, tra le altre cose. Ma Colombo capì cosa fossero quelle foglie secche solo quando inviò due membri dell’equipaggio in una spedizione all’interno del paese, mentre continuava il suo viaggio verso Cuba. Perché durante il viaggio di ritorno, i due incontrarono un gruppo di abitanti del posto con un “fascio di fuoco in mano ed erbe delle quali bevevano il fumo”, come scrisse Colombo nel suo diario di bordo il 6 novembre 1492.

Rimedi, rituali e commercio

All’inizio il navigatore italiano considerava ciò che aveva potuto osservare come usanze primitive. In seguito ha saputo che il tabacco aveva molti usi per i nativi:

  • Le foglie arrotolate venivano affumicate durante le feste e le cerimonie religiose. In alcune culture, il fumo era inizialmente riservato ai preti, poiché considerato un modo per entrare in contatto con gli dei o gli antenati.
  • Successivamente, i capi delle tribù iniziarono anche a fumare tabacco (in pipa) in occasioni speciali, come in occasione della firma delle alleanze di pace.
  • Ma il tabacco, spesso insieme ad altre erbe, era anche considerato un rimedio popolare. Alcune miscele di erbe avevano persino un effetto allucinogeno.
  • Poiché la popolazione indigena americana portava con sé foglie di tabacco in piccoli sacchetti, erano anche molto apprezzate come materia di scambio. E i marinai e i coloni europei presto adottarono anch’essi questa tradizione. I marinai portarono il tabacco prima nelle colonie nordamericane e poi in Europa. Ma fu solo nel 1520, 14 anni dopo la morte di Colombo, che i primi semi di tabacco furono portati in Europa. Maggiori informazioni sulla storia del tabacco e dei sigari in Storia del sigaro e dei sigari Bock.
Masticare, inalare, fumare

Anche allora, il tabacco non veniva solo fumato. E nemmeno il tabacco da masticare è stato inventato da fantastici eroi occidentali. Molto prima di Toro Seduto, i coloni europei incontrarono la gente del posto della costa settentrionale del Sud America che masticava foglie di tabacco miscelate con la calce. Nelle isole dei Caraibi, una polvere contenente il 50% di tabacco veniva inalata, mentre nell’attuale Guyana (nord del Sud America) il tabacco veniva bollito in un liquido. I primi conquistatori dell’America si imbatterono anche in forme primitive di sigari. In Brasile, America Centrale e nelle isole dei Caraibi, ad esempio, venivano affumicate piccole foglie di tabacco arrotolate avvolte in grandi foglie. In Messico, il tabacco tritato veniva infilato all’interno di canne. E in Nord America esistevano tubi fatti di argilla, legno, pietra, guscio di tartaruga o argento.

Taínos, nativi ingenui e gentili

I nativi che Cristoforo Colombo incontrò alle Bahamas e a Cuba nel 1492 erano i Taínos, un popolo indigeno appartenente agli Arawak. Nel suo diario di bordo, Colombo descrive gli Arawak come “ingenui e così generosi con ciò che hanno, che nessuno che non li abbia visti con i propri occhi ci crederebbe. Qualunque cosa tu chieda loro, non ti dicono mai di no, ma ti chiedono espressamente di accettarla, mostrando tanta gentilezza come se ti stessero donando il loro cuore”. Ma queste persone adorabili hanno incontrato un destino triste. Perché appena 100 anni dopo essere stati scoperti da Colombo, gli Arawak erano quasi estinti a causa della schiavitù e di un’epidemia di spagnola.

Lavanda, pipe e nasi

Come già accennato, Cristoforo Colombo morì nel 1506 e non vide più il tabacco conquistare l’Europa e il mondo intero. Ma anche prima della scoperta dell’America e del tabacco, le persone in Europa fumavano, ad esempio, semi di canapa o lavanda. E mentre gli storici concordano che il tabacco sia nato in America, è del tutto possibile che i cinesi abbiano inventato la pipa. È stato dimostrato che gli asiatici fumavano molto prima del cristianesimo, ma solo erbe e non tabacco. Perché il tabacco non cresceva in nessun altro posto se non in America, prima della scoperta dell’America nel 1492. E il tabacco si può fumare non solo per via orale. Ad esempio, la maggior parte degli appassionati di sigari, e probabilmente della pipa, potrebbero non essere consapevoli di ciò che lo storico Daniel Boorstin ha aggiunto alle prime osservazioni di Colombo sul fumo di tabacco: “Il lungo sigaro che portavano con sé veniva riacceso ogni volta che si fermavano dai ragazzini che portavano il fuoco, e poi passavano in giro da tutti i membri della spedizione, che inalavano un paio di volte dal naso. Dopo questa pausa rilassante, i Taínos continuavano il loro viaggio.”

Scopri la prossima storia

Clima tropicale, cordialità e il miglior tabacco: ecco perché abbiamo scelto Giava

Il mondo dei sigari e dei cigarillo

Quando sei nato?

Sigari e cigarillo sono stimolanti per adulti. Per utilizzare questo sito devi avere almeno 18 anni.
Visitando questo sito dai il tuo consenso ai nostri Termini d’uso, Politica sulla privacy e Politica sui Cookie.

Vuoi di più. Dai un'occhiata al login VILLIGER.

Vuoi di più. Dai un'occhiata al login VILLIGER.

Prima di proseguire, puoi dirci quando sei nato?

Sigari e cigarillo sono stimolanti per adulti. Per utilizzare questo sito devi avere almeno 18 anni.
Visitando questo sito dai il tuo consenso ai nostri Termini d’uso, Politica sulla privacy e Politica sui Cookie.